Il tuo browser ha il supporto JavaScript disabilitato. Ti preghiamo di abilitaro.
Stai usanto un browser non aggiornato. Aggiorna il tuo browser per consultare il sito web.
Consegna in 24/48 ore - Spedizione gratuita per ordini superiori a 83€

Rubino Garda Colli Mantovani 2017

Luca Francesconi

Un "Rosso" che nasce da un blend di Merlot, Rondinella, Cabernet Sauvignon e Rossanella del Garda. Una scelta maniacale delle uve in fase di vendemmia, altamente qualitativa, che si attesta attorno ai 50 q/h. La fermentazione a temperatura non controllata eseguita da Luca Francesconi è una pratica concettuale altamente biodinamica, di complessa attuazione. Il Cabernet Sauvignon e il Merlot sono stati vendemmiati a settembre e vinificati con una macerazione delle bucce di giorni 21 in un contenitore di vetroresina.

Rondinella e Rossanella sono state vendemmiate nella seconda metà di Ottobre, con una macerazione medesima, dopo aver effettuato un appassimento sulla pianta ove la Rondinella in quel periodo è attaccata dalla Botrite Nobile. Tutti i vitigni son vinificati con lieviti indigeni in soluzione separata, per poi essere assemblati successivamente. Una volta ricreata la massa con le dovute proporzioni, essa affina, mesi 6, per il 15% in tonneau. La maggior parte del volume rimanente vien affinano con vetroresina e acciaio.

Rosso rubino il colore alla vista, al naso sa di frutta rossa, in particolare amarena matura e gelso nero, note di viola e di spezie, sensazioni vegetali. In bocca, il sorso è caldo, morbido e secco: la trama sapida e fresca fa da ottimo contrappeso alle componenti di morbidezza. Finale armonico e persistente.

Prezzo IVA incl.
  • 20,00 €
Spedizione
Spedizione gratuita per ordini superiori a 83€ (eccetto isole)
Quantità
Vitigno: 45% Merlot, 30% Rondinella, 20% Cabernet Sauvignon, 5% Rossanella del Garda
Gradazione alcolica: 12,5%
Affinamento: Acciaio e Tonneaux

Josef. Ponti sul Mincio. Alti colli mantovani.

Alle spalle di Peschiera del Garda, dove le colline moreniche guardano la coda del Lago di Garda defluire nel Mincio, Luca Francesconi realizza un'idea intima, personale e controcorrente. Nel 2014 senza alcun legame con questo mondo, decide di lavorare vecchi appezzamenti di varietà autoctone presi in affitto e di ampliarli negli anni a seguire (con selezioni massali) sino agli attuali 5,5 ettari dislocati nei comuni di Cavriana, Mozambano e Ponti sul Mincio. Ma questa è la terra dove domina indiscusso il Lugana, vino vincente e idolatrato (all'estero, in primis in Germania), il che rende questa scelta ancora più drammatica e meritevole.

Luca riscopre e mette nuovamente a dimora i varietali di questo territorio stretto tra il Garda e le alte colline mantovane, proponendoli sempre in assemblaggio all'insegna di un'idea di coralità e pluralità che lo seguirà in tutte le sue scelte (vigna, cantina, assemblaggi). Filari di Negrara Trentina, Schiava, Rossetta, Tokai, Rondinella, Garganega, Rossanella (o  Molinara), Marzemino, Trebbiano, Marzemino Padovano o Bianca Fernanda si alternano ad alberi da frutto o interfila dove crescono spontanee colture utili ad una biodiversità che è ricchezza di vita in vigna.

Le lavorazioni sono solo a mano, minuziose, minimali, tra apezzamenti sparsi di qua e di là, fatti di pochi filari, a volte centenari, in alcuni casi senza portainnesto. Nessun ricorso a prodotti di sintesi, atti e gesti sono ispirati a pratiche biodinamiche. In cantina si assecondano stagione, tempi di fermentazioni e caratteristiche delle uve. Solo lieviti indigeni, nessun controllo delle temperature, nessuna filtrazione o attività che possa piallare l'identità che terra e andamento climatico hanno assegnato all'uva. Vini dal passato, territoriali e coraggiosi.

fonte: Decanto.it