Il tuo browser ha il supporto JavaScript disabilitato. Ti preghiamo di abilitaro.
Stai usanto un browser non aggiornato. Aggiorna il tuo browser per consultare il sito web.

Ultimi Raggi 2013 riserva - Arpepe

Vitigno: Chiavennasca (Nebbiolo) 100%
Vigneto inerbito - Esposizione sud/ovest - Altitudine 600 m
Vendemmia: 13 Novembre 2013
Macerazione: 58 gg in tini di legno da 50HL
Affinamento: 39 mesi in tini e botti da 50 HL, cemento, bottiglia
Bottiglie prodotte: n°6.246 (0,75 l) – 150 (1,50 l) – 30 (3,00 l) L17 257
in commercio da Dicembre 2019
Gradazione alcolica: 13,5% vol
Da servire a 15°C 
Prezzo IVA incl.
  • 64,00 €
Spedizione
Spedizione gratuita per ordini superiori a 83,00 €. Consegna in 24/48 ore.
Quantità
"Sforzato" in pianta
Ultimi Raggi 2013 riserva - Arpepe

Non fare lo Sforzato di Valtellina suona un po’ strano a tutti gli appassionati dei rossi di questa terra, ma per essere coerenti con la propria visione a volte vale la pena apparire “strani”

Come lo sforzato, questo vino gioca sulla surmaturazione delle uve. La partita però, non termina in fruttaio bensì in vigna, a una quota altimetrica che raggiunge i 600 metri, limite della parte alta della Sassella, zona chiamata “Ere”. Il giusto tempo di attesa per raggiungere la corretta maturazione fenolica dei grappoli è di qualche settimana in più rispetto alle vigne situate a quote inferiori. Gli sbalzi termici tra il giorno e la notte nel periodo vendemmiale irrobustiscono le bucce e concentrano gli zuccheri. Il frutto si disidrata lentamente al vento, ancora attaccato alla pianta che si prepara al letargo invernale. Appena prima della neve, tra la metà e la fine di novembre, viene colto, pigiato in maniera soffice e ammostato nel tino. Alla svinatura è completamente secco e le acidità rimangono ben in evidenza. La surmaturazione mitiga il tannino nervoso del Valtellina Superiore Sassella Riserva Ultimi Raggi DOCG e l’affinamento in botte grande ne leviga la trama fitta.

La dolcezza della frutta matura la ritrovi così nel profumo, senza stucchevoli morbidezze al palato.